12 febbraio 2016

Metropolitana













Il serpente di vetro e lamiera giunge ringhiando sulle rotaie
nella semioscurità di una metropolitana sorda e sguarnita.
Ti vedo scendere dal vagone cigolante e,
prima che tu riprenda i malinconici passi,
ti blocchi in fermo immagine per un istante
guardandoti attorno e
cercando qualcosa di perduto o forse mai avuto,
ma non riesci a vedermi;
non riesci a vedere che sono qui
solo per Te,
piccolo fragile
amore mio.



                                                                             ©*Liolucy


2 commenti:

  1. non sempre guardare coincide con vedere, le ragioni del cuore aprono orizzonti infiniti, ma bisogna lasciarlo libero come un fanciullo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ospitare le tue verità è respiro.
      grazie Max..

      Elimina

GRAZIE DELLA VISITA
IL TUO PENSIERO SARA' PUBBLICATO APPENA POSSIBILE