10 gennaio 2013

Umane Tristezze


Esistono individui che hanno grande timore di accogliere nella propria esistenza realtà differenti dalla loro e  scelgono di restare aggrappati agli alti recinti che hanno costruito nella mente.
Appare sbagliato tutto ciò che si allontana dal loro modo statico di guardare il mondo, quel mondo che  guardano  ma che  in realtà non “vedono”.
Smettono improvvisamente di cercare nuovi orizzonti ,  smettono di farsi domande, rinunciano a mettersi in discussione,  cadono mentalmente in letargo. Si nascondono dietro le loro certezze assolute o pseudo-sicurezze e,  inconsapevoli di essere prigionieri di se stessi e delle loro accecanti inutili paure, con le ali rattrappite invecchiano inesorabilmente accartocciandosi nel loro guscio desolato e buio. 
Una sconfinata amarezza si appropria di me nell’osservare queste  umane tristezze, queste anime disperse che si autopuniscono.

©*Liolucy


foto:"Ali Legate" Enrico Cocuccioni 
..........................................................................................................................................................................................

un altro attimo un altro spazio  → FUGA

Nessun commento:

Posta un commento

GRAZIE DELLA VISITA
IL TUO PENSIERO SARA' PUBBLICATO APPENA POSSIBILE