23 gennaio 2014

Dark Love


                                        sonnet CXLVII 

My love is as a fever, longing still                              Il mio amore è come una febbre, sempre avida
For that which longer nurseth the disease;                 di quel che ancor più aumenta il suo malessere,
Feeding on that which doth preserve the ill,               e che si nutre di quanto mantiene il suo morbo,
The uncertain sickly appetite to please.                      pur di soddisfare la sua fame insana.
My reason, the physician to my love,                         La ragione, medico del mio amore, furente
Angry that his prescriptions are not kept,                   perché le sue prescrizioni son trascurate,
Hath left me, and I desperate now approve                mi ha lasciato e, disperato, mi rendo conto
Desire is death, which physic did except.                  che il desiderio che medicina combatteva è morte.
Past cure I am,                                                            Sono un caso disperato,
now reason is past care,                                              abbandonato dalla ragione,
And frantic-mad with evermore unrest;                     furiosamente pazzo per le mie continue smanie;
My thoughts and my discourse as madmen's are,      ho pensieri e parole da mentecatto,
At random from the truth vainly expressed.              e vaneggio ben lungi dalla verità.
For I have sworn thee fair,                                         Perché t'ho giurata pura
and thought thee bright,                                             e t'ho pensata bella,   
Who art as black as hell, as dark as night.                 tu, nera come l'inferno, e come la notte scura.       

                                                                       
                                        (William Shakespeare) 
                                                            sonetto 147 

-------------------------------------------------------------------------------------------

                                       
".. E  VANEGGIO  BEN  LUNGI  DALLA VERITA'.
PERCHE'  T 'HO  GIURATO  PURO  E  T 'HO  PENSATO  BELLO,
TU,  NERO  COME  L'INFERNO,  E  COME  LA  NOTTE  SCURA."


8 commenti:

  1. E' la lotta interiore che instaura l'Amore in chi intensamente e totalmente lo vive. Sovente manca di Lui un ritorno adeguato, e quindi quell'inappagamento espresso tragicamente dal Poeta. L'Amore passionale, intenso e totale, può rendere veramente pazzi, e Shakespeare sa illustrare benissimo questo concetto, quasi a farlo vivere anche a noi.

    Cesare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, Shakespeare ha saputo illustrare benissimo l'amore in tutte le sue sfaccettature.

      Elimina
  2. Oggi come allora dipende tutto da come si vive un rapporto d'amore, siamo noi a colorarlo o a renderlo tragicamente scuro.
    Ripeto, ricordarsi sempre di trattenere un angolino per se.....
    italo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'amore è un mistero di cui nessuno ha ancora risolto l'inghippo...

      Elimina
  3. un vero maestro, sempre attuale

    RispondiElimina
  4. Il chiaro scuro in ogni situazione d'amore o meno deve avere il giusto equilibrio ...In questo caso ,il cuore ha preso il sopravvento e come può non soffrire , vedendo cadere la falsa realtà che si era creato per troppa passione ? La ragione spesso la si accantona perchè il canto interiore è così ammaliante ed appagante , che come quello delle sirene fa perdere il lume della reale situazione....Un sonetto che illustra con vivida concretezza che l'amore è unico e in ciascuno di noi si manifesta secondo l'individuale essenza...con tutti i suoi lati vividi ed oscuri ! bellissimo carissima : grazie . Mi piace la modifica che hai apportato agli ultimi versi.......:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. ed è affascinante con quale maestria abbia potuto esprimere tutto ciò il buon William ..
      Grazie del tuo ricco intervento a me graditissimo.

      Elimina

GRAZIE DELLA VISITA
IL TUO PENSIERO VERRA' PUBBLICATO APPENA POSSIBILE