21 novembre 2013

Lettera al Mio Cuore

un giorno di novembre 2013

Caro Cuore,

sei con me da sempre eppure a volte non ti capisco. So che sei un essere indipendente e che vorresti comandare ma certi tuoi comportamenti mi fanno stare male. Se, per esempio, ti dico di dimenticare capita invece che, nelle giornate grigie come questa, quell’emozione - proprio quella da dimenticare - riemerge in te facendo sanguinare quella profonda cicatrice che ben conosci. Tu ti scomponi, cominci a battere forte mentre le memorie si accavallano, si legano tra loro facendo rivivere alla mente un sogno svanito tra le nebbie dell’illusione.  Non riesco a prendere le redini della situazione e così piango per quello che è stato e che non sarà più. Cuore mio, smettila di farmi male. Vorrei che tu fossi meno sensibile e più concreto. Magari ti faccio fare un corso di sopravvivenza  per cuori idealisti, così da poter rinforzare quella corazza che occorre che tu abbia. Che ne dici? Sarà divertente, potrai incontrare altri cuori liberi e selvaggi come te e confrontarti, confessare le tue paure e i tuoi sogni. Sarà un po’ come fare un percorso di autocoscienza per poterti migliorare e capire che gli ideali possono fare davvero troppo male. In più potrai intavolare una sana chiacchierata con la salda ragione con cui litighi spesso e che in questo corso di sopravvivenza ti sarà di grande aiuto. 
Certo, tu mi dirai: ”ma io sono un cuore e devo battere per sentirmi vivo”.. già, hai ragione e te ne do atto. La tua stessa natura ti porta a provare emozioni e a scombussolare chi ti porta con sé. Per certi versi è giusto così. Cosa sarebbero le persone senza un cuore che batte i propri ritmi? ... hhmm ... penso che dovremo trovare un compromesso per far sì che tu possa pulsare nella maniera giusta, bandendo i soliti voli pindarici che mi capita di seguire spesso con spirito semplice.  
In pratica dovrai imparare a comandare un po' meno, capisci?
Per ora mi sono limitata a scrivere questa lettera che spero ti farà riflettere, poi per il da farsi vedremo cosa ci riserverà il tempo a venire e agiremo in stretta collaborazione con la ragione, per quanto possibile. 
Caro Cuore, spero di non averti fatto arrabbiare, 
sono certa che mi hai compresa benissimo, perché sei parte di me 
e anche se a volte fai di testa tua, 
beh.. ti voglio bene.


©*Liolucy


dipinto di David Ho


2 commenti:

  1. Un cuore sensibile fugge la confusione,
    non ama mostrarsi,
    preferisce essere scoperto per caso,
    ma custodisce dentro di sè un fiore raro...
    ....la dolcezza....
    Ti avvolge con essa, come una morbida coperta d'inverno,
    e quando il dolore, come un vento gelido,
    ti spegne l'Anima.....
    ....la dolcezza del cuore ti coccola,
    come fossi tra le braccia di un innamorato.....
    Lasciati accarezzare da essa...
    farà esplodere emozioni sopite,
    ti riporterà la gioia,
    ma più di tutto.....si prenderà cura di Te.

    Liolucy, tu mi conosci, non posso averla scritta io, purtroppo non ho avuto il dono della Poesia come Te, sono una persona più di numeri che di lettere, ma l'ho trovata e mi piaceva mandartela.
    Si, penso proprio che urga un corso di sopravvivenza :)))
    però nel frattempo ti auguro un bellissimo fine settimana....
    ciao italo

    RispondiElimina
  2. Difficile reprimere la propria sensibilità che anche se fa soffrire è comunque un dono! Buon Natale Liolucy, ti auguro molta serenità.

    RispondiElimina

GRAZIE DELLA VISITA
IL TUO PENSIERO VERRA' PUBBLICATO APPENA POSSIBILE