2 maggio 2014

Strane Nostalgie

 
videopost a → SOLA 
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Struggersi di nostalgia per qualcosa che non è mai stato
è un indefinito dolore che scorre lento.

©*Liolucy


..........................................................................................................................................................................................

un altro attimo un altro spazio  → FELICITA'
 

9 commenti:

  1. Credo che quella di cui parli si chiami attrazione per l'ignoto... forse... sono molto delicati i tuoi pensieri e abissali... Mimmo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. o attrazione per quello che poteva essere ..
      Ciao Mimmo,
      lieta di averti qui.

      Elimina
    2. se ci attraesse profondamente ciò che riusciamo a ottenere non saremmo umani... amare ciò che è oscuro ci fa sprofondare nella passione che ci neghiamo ...è solo ciò che credo io... Mimmo

      Elimina
    3. Caro Mimmo, sono vasti e ampi gli argomenti che richiami: amore, passione, desiderio e negazione dello stesso .. tutte emozioni colme di sfumature che fanno parte integrante delle nostre vite imperfette.

      Elimina
    4. basta una parola: negazione (del nostro essere)... oppure paura di essere. è bello scriverti, grazie per i tuoi 'pensieri pesanti'

      Elimina
  2. le persone sensibili sono anche più vulnerabili, ma sono le migliori, per me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gentilissimo Massimo,
      che giunga il mio sorriso al tuo cuore.

      Elimina
  3. Mi è capitato qualcosa del genere, mentre camminavo distrattamente tra i sassi taglienti che credevo terreno morbido...li ho guardato indietro e ho visto ciò che avrei potuto avere e avevo rifiutato...per fortuna però quel qualcosa o qualcuno ha avuto la pazienza e la forza di venire a cercarmi nuovamente, trovandomi ferita ma salva...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. e può capitare anche la situazione inversa: incontrare qualcuno talmente imbrigliato nelle sue visioni statiche da impedire qualsiasi sviluppo positivo delle situazioni che gli capitano addosso. In questo caso, andargli incontro con ferma motivazione non serve a nulla e, dopo il senso di sconfitta, non resta che il rimpianto di quello che poteva essere se solo quell'individuo si fosse liberato delle sue catene mentali. E' proprio la "negazione" di cui accenna Mimmo ad intossicare i rapporti umani.
      Sono contenta per te che tu ti sia salvata e ti auguro di continuare il tuo percorso di auto-scoperta.
      Grazie del tuo partecipato intervento, Onda.
      Un sorriso grande.

      Elimina

GRAZIE DELLA VISITA
IL TUO PENSIERO VERRA' PUBBLICATO APPENA POSSIBILE